• L’emergenza sanitaria sta spingendo i processi di automazione: Il 43% delle aziende in Italia stanno accelerando i loro piani rispetto al 21% della media mondiale
  • Finanza, Assicurazioni e Immobiliare i settori che puntano a una maggiore automazione
  • Automazione fa rima con occupazione: l’85% delle aziende in Italia che hanno in corso un processo di automazione intende aumentare o mantenere la propria forza lavoro
  • Nella top ten dei profili più difficili da trovare: ingegneri robotici, specialisti fintech, risorse umane, di digital marketing e strategia, professioni sanitarie, esperti di cyber security, process automation, digital transformation e sviluppatori di App

ManpowerGroup – leader nelle global workforce solution – pubblica in Italia i risultati della Ricerca “Skills Revolution Reboot” presentata al WEF sull’impatto del Covid-19 sulla digitalizzazione e sulle nuove competenze. L’indagine, condotta su un panel di oltre 26.000 datori di lavoro in tutto il mondo, ha rilevato che sono proprio le aziende che implementano processi di digitalizzazione a creare un numero maggiore di posti di lavoro.

In Italia, in risposta alla pandemia, il 43% delle aziende sta accelerando l’implementazione di processi di digitalizzazione, mentre solo il 9% li ha temporaneamente sospesi.  A livello globale, il dato sulla crescita della digitalizzazione e automazione delle aziende si attesta al 38% contro il 17% di attività temporaneamente ferme.

Al contempo, le prospettive per la forza lavoro in Italia permangono positive, con un numero maggiore di posti di lavoro creati rispetto a quelli eliminati. E l’85% delle aziende che hanno avviato un processo di automazione dichiara di voler aumentare o mantenere il numero dei propri dipendenti (86% a livello globale).

LE AZIENDE SONO DIVISE: AUTOMATIZZARE ORA O POSTICIPARE?

Riccardo Barberis, Amministratore delegato di ManpowerGroup in Italia dichiara: “Oggi le aziende e lavoratori si trovano ad affrontare in Italia due grandi sfide, ognuna delle quali richiede competenze nuove: una transizione accelerata verso la digitalizzazione e il bisogno di una maggiore flessibilità nelle modalità di lavoro. In questo scenario vi sono interi settori a rischio per le limitazioni imposte dalla pandemia e altri comparti che resistono e sono riusciti addirittura a crescere, trasformando un momento complesso in una opportunità, anche grazie ad una accelerazione dei processi di digital transformation. Nel post Covid saranno dunque le competenze a fare la differenza, di conseguenza la formazione dovrà essere sempre più integrata e personalizzata a seconda del profilo del lavoratore. Per ManpowerGroup contribuire ad aiutare le persone nelle fasi di pre-skilling, upskilling e reskilling per i ruoli richiesti in questa “Skills Revolution” sarà dunque fondamentale per permettere alle aziende di vincere la sfida del mercato e creare valore per tutta la comunità”.

Al contempo, le prospettive per la forza lavoro in Italia permangono positive, con un numero maggiore di posti di lavoro creati rispetto a quelli eliminati. E l’85% delle aziende che hanno avviato un processo di automazione dichiara di voler aumentare o mantenere il numero dei propri dipendenti (86% a livello globale).

I settori che prima della pandemia avevano rallentato processi di automazione, ora stanno recuperando. I settori della finanza, delle assicurazioni, immobiliare e dei servizi alle imprese stanno raddoppiando l’impegno per implementare processi di digitalizzazione come conseguenza della crisi, in particolare per quanto riguarda le mansioni amministrative e a contatto con il pubblico.

I settori maggiormente colpiti dalla crisi all’inizio, tra cui quello manufatturiero, l’edilizia e il retail – si dividono tra quelli volti all’automazione e alla digitalizzazione per adattarsi rapidamente e quelli che adottano un approccio da cauti osservatori e sospendono i propri progetti. In Italia il 40% dei datori di lavoro ha in programma di incrementare l’automazione, un dato che a livello globale si attesta invece al 21%.

L’incremento del personale riguarda in particolare:

  • la funzione amministrativa/uffici (14%)
  • l’IT (14%)
  • e la Produzione (21%).

LA RIPRESA ECONOMICA A “FORMA DI K”

Assistiamo alla progressiva affermazione di una ripresa economica a forma di K, ovvero con una curva in calo e una in crescita, che corrispondono ai profili più o meno richiesti. Alcuni settori e persone si stanno riprendendo più rapidamente e meglio – nei settori in crescita e con skills fortemente richieste – mentre altri sono a rischio o stanno ulteriormente perdendo terreno.

LE COMPETENZE SOFT

Mentre le aziende si trasformano e implementano processi di digitalizzazione, mutano anche le esigenze in termini di skills. Entro il 2025, le mansioni lavorative saranno suddivise al 50% tra uomini e macchine, mentre 97 milioni di nuove occupazioni saranno richieste nei settori Intelligenza artificiale, green economy e attività connesse all’assistenza. Questa Skills Revolution, unita alla crisi, accelera la richiesta di skills sia trasversali, sia tecniche. Le soft skills, quali la comunicazione, la gestione del tempo e delle priorità, l’adattabilità, il pensiero analitico, l’empatia e la capacità di prendere iniziative, sono più che mai valorizzate e richieste dalle aziende. Le aziende stanno infatti comprendendo che hanno bisogno di persone aperte all’apprendimento, agili rispetto alle nuove mansioni e pronte e resilienti. In Italia circa il 30% delle aziende investe sulle soft skills. Oggi, il modo di pensare analitico e la capacità comunicativa rappresentano solo alcune delle soft skills utili per creare maggiori opportunità di lavoro e resilienza a lungo termine, mantenendo vivo il desiderio di apprendere e crescere professionalmente.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: