L’ISTAT conferma la ripartenza della produzione manifatturiera in Italia; le aziende necessitano di profili professionali adeguati e il Governo stanzia ingenti risorse e avvia i primi strumenti del PNRR per rispondere a queste esigenze.

Qual è la ricetta per non farsi sfuggire queste opportunità?

Qual è la strategia vincente che permetterà alle aziende di sfruttare le risorse a disposizione, per acquisire nuove competenze e migliorare quelle esistenti, senza rinunciare a cavalcare l’onda della ripresa produttiva?

Cosa possiamo suggerire alle aziende che ci confermano la grande necessità di investire in Reskilling e Upskilling e l’urgenza di professionalità adeguate ma, allo stesso tempo, faticano a trovare il tempo per organizzare momenti formativi qualificati?

L’esperienza sul campo ci fornisce un punto di osservazione privilegiato rispetto a queste domande.

È innegabile che le aziende, in questa fase di ripresa produttiva, tendano a concentrare le proprie risorse, materiali e umane, nella soddisfazione di una domanda che latitava ormai da troppo tempo, ma allo stesso tempo siamo di fronte ad una trasformazione che impone alle stesse aziende di mettere in campo competenze spesso del tutto nuove rispetto a quelle maturate prima della pandemia e di affrontare la trasformazione digitale, che sta pervadendo tutti i settori in forte ripresa, sviluppando abilità in grado di ottimizzare le novità e le opportunità che questa “rivoluzione industriale” ci mette a disposizione.

La nostra “ricetta” per sfruttare al meglio le opportunità che si stanno presentando e che continueranno a presentarsi nei prossimi mesi, dal PNRR ai fondi di Garanzia Occupabilità e Lavoro e al restyling del Credito d’imposta Formazione 4.0, prevede due ingredienti fondamentali: la programmazione e l’e-learning.

Come ogni investimento, anche la formazione necessita di una sua programmazione che renda efficaci le scelte e il coinvolgimento degli attori. Analizzare con ampio anticipo gli interventi formativi necessari, tenendo in considerazione le esigenze produttive, di stagionalità o di maggiore intensità, prevedendo inserimenti di nuove figure, con periodi di on boarding che possano avere immediate ricadute positive anche sulla produzione, concede all’impresa un vantaggio competitivo nei confronti di chi considera la formazione solo un adempimento obbligatorio, garantendo la possibilità di affrontare ogni nuova sfida con rinnovate capacità.

Programmare la formazione conoscendo le tempistiche e le caratteristiche peculiari delle misure agevolative che saranno messe in campo, permette all’impresa di ottenere, dal proprio investimento, il massimo del rendimento anche attraverso sostegni fiscali o contributivi che, nei casi di cumulabilità degli strumenti, possono arrivare a coprire la quasi totalità delle spese da affrontare. In questa analisi, il supporto di un consulente che sia specializzato nella formazione finanziata, facilita l’individuazione degli strumenti più idonei ed evita di commettere errori che possono comportare sanzioni o riprese fiscali.

Il nostro consiglio a chi ha deciso di non perdere questa opportunità contempla anche l’adozione di soluzioni in e-learning. La possibilità di poter organizzare l’erogazione della formazione a distanza, la possibilità di alternare formazione sincrona a quella asincrona, l’utilizzo di tecnologie all’avanguardia, permette all’impresa una maggiore flessibilità nella scelta dei momenti formativi senza dover rinunciare alla qualità dell’offerta formativa.

Moltissime aziende hanno potuto testare le potenzialità di queste soluzioni, offrendo ai propri collaboratori la possibilità di apprendere nuove competenze e migliorare quelle esistenti, con interventi efficaci, docenti qualificati e tante possibilità di personalizzazione. La possibilità di creare, personalizzare, erogare formazione a distanza ha smesso di essere un’amara esigenza dettata dalla pandemia, ma è un nuovo modo di raggiungere efficacemente le persone, con sistemi nuovi, accattivanti che, dalla realtà virtuale a quella aumentata, dall’uso di visori alla gamification fino ad arrivare all’e-learning interattivo si confermano la risposta più efficace per attraversare questa fase traendone i massimi benefici.

E allora facciamo qualche esempio di soluzione digitale che abbiamo testato con grande soddisfazione dei nostri Clienti e che siamo in grado di personalizzare in base alle esigenze di ogni azienda:

i-Spring: strumento innovativo per l’authoring dei corsi in e-learning. Consente di trasformare facilmente una presentazione PowerPoint in un corso completo di traccia audio, contenuti multimediali, interazioni e quiz.

Lectora Inspire: strumento di ultima generazione per l’authoring dei corsi in e-learning. Con la sua interfaccia grafica intuitiva ma articolata, permette di creare corsi interattivi con un elevato livello di personalizzazione.

Cenario VR: strumento d’avanguardia che permette di progettare, condividere e monitorare formazioni in Realtà Virtuale. L’esperienza di apprendimento viene fruita tramite un visore VR e diviene completamente immersiva.

Corporate Wiki: un wiki privato, aziendale, per realizzare una knowledge base, un manuale informativo, un archivio di procedure agile e di facile consultazione, una guida pratica che faciliti gli on boarding, il rispetto delle procedure e la massimizzazione dell’efficacia del sapere interno.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: