L’ufficio è morto, giusto? Non così in fretta. Alcune organizzazioni si sono affrettate ad abbandonare le proprie sedi e adottare il lavoro a distanza per il prossimo futuro, mentre altre stanno scegliendo un approccio più ibrido, optando per mantenere una loro base fisica per essere visitate occasionalmente, in abbinamento con il lavoro a distanza. In ogni caso, sembra che le pratiche di lavoro tradizionali, come le conoscevamo un tempo, non torneranno presto. Questo significa la fine dell’ufficio così come lo conosciamo attualmente?

Indipendentemente dal fatto che stiate leggendo comodamente da casa, o che siate tra i pochi ad essere attualmente sul posto di lavoro, o magari alternano entrambe le cose, la realtà è che questo nuovo mondo è ancora agli inizi, ed è quindi impossibile prevedere come si svolgeranno le cose nelle prossime settimane, mesi e anche anni, e come questo avrà un impatto sull’ufficio del futuro – e l’effetto che questa impostazione avrà su produttività, competenze e cultura nel lungo termine. Per ora, siamo colpevoli di guardare all’enorme cambiamento della vita lavorativa degli ultimi mesi e di vedere il futuro solo come quello che vogliamo vedere, che sia un incubo informatico o l’opportunità di influire sui dati finanziari.

Pensiamo al test di Rorschach. La stessa immagine, in questo caso la stessa situazione, può essere interpretata in modo completamente diverso a seconda dello spettatore e dei pregiudizi, delle dimenticanze e delle esperienze passate che segnano il suo punto di vista.

Per i CIO di tutto il mondo quest’anno è stato eroico, perché loro e le loro squadre hanno dovuto darsi da fare per abilitare una forza lavoro del tutto remota, praticamente da un giorno all’altro. Abbiamo visto due anni di trasformazione avvenire in due mesi e, francamente, siamo stanchi. Noi – i reparti IT di tutto il mondo – abbiamo compiuto un’impresa straordinaria quest’anno, ma questo non significa che possiamo continuare a farlo ancora, di continuo.

Prendere in esame tutte le implicazioni

Questa è una novità per i CFO, che pensano in termini di finanze – cosa prevedibile dato il loro ruolo. Vedono quello che i team IT hanno realizzato in un arco di tempo incredibilmente breve, con le stesse risorse a loro disposizione – e pensano che sia possibile una trasformazione continua di questa natura. A peggiorare le cose, il CFO vede ora un’azienda che può essere gestita in modo efficiente senza un ufficio, cosa di cui i CIO (e altri) hanno bisogno per collaborare con l’azienda.

Non si tratta solo dell’ufficio. Questo cambiamento di paradigma avrà conseguenze anche per il data center del futuro, tanto più che molti hanno ancora enormi investimenti nei locali fisici. Ora, all’improvviso, ci troviamo ad avere una fortuna in infrastrutture esistenti che prendono polvere in un ufficio vuoto, e questo senza considerare i costi operativi – si pensi alla superficie, al raffreddamento, all’elettricità – necessari per farla funzionare giorno dopo giorno. L’unico modo per continuare a utilizzare questo ambiente ad alte prestazioni è accedervi tramite VPN e VDI, con un’infrastruttura desktop virtuale. La VDI non è mai veramente decollata perché costosa e difficile da gestire, ma all’improvviso e nel clima attuale sembra un’opzione fattibile. Di conseguenza, questa infrastruttura sprecata potrebbe portare molti a mettere in dubbio la necessità di un data center on-premise e a considerare la possibilità di abbandonarlo completamente a favore di un ambiente cloud ibrido.

Ma un passaggio di massa al cloud semplicemente non è in programma per la maggior parte delle organizzazioni, come hanno dimostrato gli ultimi anni, considerando la quantità di risorse necessarie per convertire le applicazioni e chiudere gradualmente – o rapidamente – il data center. Questo diventa più difficile solo se si considera il continuo deficit di competenze e le lacune nelle conoscenze significative per la maggior parte delle aziende. Questa mancanza di capacità potrebbe portare a costosi errori; con una scelta sbagliata ci si potrebbe trovare di fronte a un nuovo sistema “legacy” per i prossimi dodici mesi. Aggiungiamo al mix le diverse esigenze di sicurezza e la minaccia incombente delle autorità di regolamentazione che iniziano a reprimere il “nuovo anormale” e cominciamo a capire l’incertezza che attende i CIO.

Al di là delle barriere tecnologiche, un’altra grande incognita che finora è stata vista con ottimismo è il livello di produttività a lungo termine. Anche se finora abbiamo visto una produttività positiva da parte dei lavoratori in remoto, non sappiamo se, o per quanto tempo, questa durerà, quando potrebbe verificarsi il burnout, e se abbiamo gli strumenti di collaborazione giusti per il lungo periodo. E purtroppo, con i nuovi casi di Covid-19 che continuano ad aumentare in tutto il mondo, dobbiamo essere preparati per il lungo periodo.

È il momento di una realtà ibrida?

A causa di questa mancanza di chiarezza, è fondamentale che le organizzazioni non cadano nella trappola di implementare tecnologie che nel giro di un anno potrebbero diventare legacy, con il risultato di aumentare le spese operative, che si tratti di tempo o di denaro. Solo semplificando la loro infrastruttura IT e la loro strategia, e procedendo con la dovuta attenzione quando si tratta di adottare o espandere nuove tecnologie, i team IT possono evitare questi errori costosi. La chiave non deve essere solo nel cloud o nelle implementazioni locali, ma in una nuova realtà ibrida che offra alle organizzazioni la migliore scelta di strumenti per navigare in questa nuova normalità.

Anche se sembra che il 2020 non finirà mai, siamo ancora agli inizi di questo nuovo mondo del lavoro. Solo perché il burnout non è ancora avvenuto, non significa che non sia dietro l’angolo; secondo Monster, oltre due terzi dei dipendenti stanno già sperimentando sintomi di esaurimento come risultato del continuo lavoro a distanza.

Con ancora così tanta incertezza davanti a noi, e i nuovi casi di Covid-19 che non mostrano segni di rallentamento, le aziende devono essere realistiche nelle loro spese future. Ora è il momento di essere consapevoli di non prendere decisioni di acquisto e di infrastrutture basate esclusivamente sul qui e ora, ma di investire in soluzioni – sia fisiche che virtuali – che avranno ancora un ruolo da svolgere in differenti scenari futuri.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: